Background Image

Testimonianze

Le testimonianze sono depositate presso la sede dell'Associazione Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione.

Guarigione spirituale

Solo oggi, dopo circa sei anni ,ho deciso di scrivere la mia testimonianza. Mi dispiace aver lasciato passare tanto tempo, ma ogni cosa ha il suo momento, anche per essere raccontata.
L'infanzia e l'adolescenza sono stati per me periodi molto difficili acausa di diversi problemi familiari che non ero in grado di sostenere; sono cresciuta senza punti di riferimento, ma non ne faccio più una colpa ai miei genitori perché hanno fatto come e quanto hanno potuto. Commettiamo tutti degli errori! Comunque io crescevo ed ero sempre più spaventata perché la vita andava avanti ed io non sapevo dove andare e cosa fare; non avevo assunto i valori importanti che ti fanno prendere in mano la tua vita, che ti spronano a fare delle scelte; ero in balia del vento che tirava sempre più forte. Non mi ero costruita un'identità, avevo solo tanta paura di sbagliare, anzi, avevo paura di tutto.
Però ho sempre sentito Gesù molto vicino a me; parlavo con Lui fin da piccina, pur non avendo avuto né educazione né tradizione di tipo cristiano e cattolico.
Nel marasma della vita ho preso strade sbagliate, ma grazie al cielo non sono andata fino in fondo. Ho iniziato con il primo spinello, poi il primo cocktail con gli amici. Un altro spinello e un bicchiere di vino... Ho iniziato all'età di 15 o 16 anni e ho smesso all'età di 32. Non ho mai usato droghe pesanti, ma quelle che vengono definite leggere sono comunque sostanze che alterano in maniera orribile, se poi unite all'alcool diventano una bomba che non solo ti distrugge il fisico, ma ti allontana da tutto, non ti lascia vivere la realtà, ti incatena in un mondo parallelo e tu pensi solo a quando accenderti il prossimo spinello.
Ero tanto arrabbiata con Dio; a volte andavo davanti alla chiesa, mi mettevo dall'altra parte della strada come se volessi nascondermi e, mentre fumavo uno spinello, guardavo la Croce e gli domandavo perché mi avesse messa a questo mondo con il solo scopo di sacrificarmi ad una realtà familiare insostenibile. Non reggevo davvero più. Fumavo davanti allo sguardo di Gesù perché volevo provocarlo, volevo che vedesse il mio dolore, e tutto ciò è durato per moltissimo tempo.
Davvero non so come Dio sia entrato nella mia vita e abbia continuato ad avere una certa influenza sudi me non mollandomi mai, continuando con la sua terribile e insieme dolce presenza. Non frequentavo brava gente, e davvero non so come sia stato possibile che io fossi così attratta da Lui.
Così, ogni tanto andavo inchiesa per litigare con Lui; qualche volta partecipavo alla messa con la speranza che mi aiutasse, fino a quando ho incontrato persone che hanno iniziato a parlarmi di Dio in modo nuovoe con tanta fede.
Un venerdì sera del 2011 sono andata a messa alla Chiesa della Salute e ho sentito che quel momento era per me. Così, ci sono tornata diverse altre volte. Quando don Adriano faceva la preghiera di intercessione per la guarigione e nominava le dipendenze, io mi sentivo malissimo, mi sentivo in colpa e avrei voluto nascondermi o scappare via. Nel mio cuore sapevo che mi stavo rovinando l'anima oltre che il corpo; avrei voluto smettere ma non ne avevo le forze e, partecipando alle messe del primo venerdì del mese, è nata una vera e propria lotta dentro di me. Con il tempo, il bene è diventato la parte più forte e ha sovrastato la parte che era male, finché una sera, dopo la celebrazione eucaristica seguita da un tempo di adorazione con preghiere di intercessione per i malati e per i sofferenti, mi sono sentita talmente alleggerita che ho percorso la strada verso casa quasi correndo, decisa verso un obiettivo che era chiaro e che finalmente avevo la forza di mettere in pratica.
Sono entrata in casa, ho preso tutte le sostanze che avevo nel cassetto e le ho buttate nel bidone della spazzatura. Quanto è successo è stato causato dall’azione potente dello Spirito Santo che mi ha dato la forza e il coraggio di distruggere tutte quelle sostanze e di gettarle nel bidone della spazzatura. Tutto ciò anche grazie alla forte preghiera di intercessione di don Adriano presso il Signore. Credo che questa preghiera sia stata davvero salvifica per me; il coraggio e la liberazione che ho sentito quella sera sono state esperienze interiori fortissime che in qualche modo mi hanno anche educata per affrontare le difficoltà che il futuro mi avrebbe riservato. Da quella sera la mia vita è radicalmente cambiata e ho iniziato un cammino di conversione. Ora vivo in Toscana e tutto ciò che ho ricevuto dal Signore, dalle celebrazioni eucaristiche e dalle intense preghiere di don Adriano, mi hanno resa e mi rendono felice di vivere la vita e di vederla sotto una luce totalmente diversa perché davvero ho incontrato il Signore Gesù che ora è diventato il mio migliore e grande amico.
Sono riconoscente a Dio e lo ringrazio per quanto ha realizzato nella mia vita. Ringrazio di cuore anche don Adriano per le sue coinvolgenti celebrazioni eucaristiche e per il suo costante amore verso i malati, i bisognosi e i poveri.



Artrite reumatoide

Ho 48 anni. A 40 anni i medici mi hanno diagnosticato l’artrite reumatoide, ma solo dopo vari esami e un intervento chirurgico hanno scoperto che si trattava di questa malattia.
La cura, secondo il primario del CTO, era cortisone a vita e altre medicine molto forti. Con questa cura, giorno dopo giorno, purtroppo notavo i danni che la cura stessa causava a tutto il mio corpo, oltre a dolori incessanti durante il giorno e la notte che, ovviamente, influivano anche sul mio lavoro.
Per ripulire tutta la gamba dal liquido sinoviale che mi impediva di camminare, fui sottoposto all’ultimo intervento chirurgico, sempre al CTO, che è durato tre ore.
Nel frattempo, io e la mia famiglia partecipavamo alle celebrazioni eucaristiche nel Monastero di Casanova dove don Adriano pregava anche per me e per la mia famiglia.
Una bella domenica, durante l’adorazione eucaristica, ho sentito un forte calore che mi invadeva e attraversava tutto il mio corpo dalla testa ai piedi, e ho capito subito che mi stava accadendo qualcosa di meraviglioso.
Uscendo dal Monastero abaziale per recarmi alla macchia, senza accorgermene, mi misi a correre e, solo dopo, parlando con mia moglie, mi resi conto che ero guarito perché, mai e poi mai, avrei potuto fare ciò nelle condizioni fisiche in cui da tempo mi trovavo. In seguito, gli esami che ho effettuato hanno confermato che non c’è più traccia della malattia.
Dopo la grazia ottenuta, la nostra partecipazione alle celebrazioni eucaristiche è continuata con maggiore intensità di fede.
Ringrazio il buon Dio, ma è anche doveroso un ringraziamento al nostro don Adriano che, intercedendo con le sue forti preghiere e con la potenza dello Spirito Santo, ha ottenuto il prezioso dono della guarigione.
 

In ricordo di mio marito

Era luglio del 2016 quando mio marito, dopo accertamenti a causa di un evidente gonfiore alle gambe, scopre di essere affetto da un epatocarcinoma multifocale localmente avanzato e inoperabile con grosse varici esofagee a rischio di sanguinamento. 
Era un papà severo, ma affettuoso, un uomo di fede, umile, generoso e tenace, ingegnere in un’azienda per la quale ha viaggiato nei vari stati del mondo per la chiusura dei contratti. Nel lavoro non sapeva dir di no, come davanti al tumore non voleva arrendersi.
Dopo l’infausta diagnosi iniziarono i ricoveri per accertamenti, per le chemioembolizzazioni a scopo palliativo, per un grave scompenso ascitico con insufficienza renale, e i day hospital per la legatura endoscopica delle varici esofagee e per le paracentesi.
Dopo il grave scompenso epatico del gennaio 2017, la situazione iniziò a degenerare e venni a conoscenza della diagnosi di tumore di mio marito.
Nel frattempo, avevo iniziato a partecipare alle celebrazioni presiedute da don Adriano e, quando si poteva, con mio marito e i miei figli, ci recavamo da lui al sabato presso la Casa di Spiritualità di Casanova, per intensificare le preghiere, per ricevere la benedizione del Signore e per affidarci alla costante preghiera di intercessione di don Adriano.
La malattia di mio marito era molto grave con conseguente decorso clinico doloroso che, secondo i medici, doveva terminare con la morte per emorragia epatica, morte tanto crudele.
Il 31 marzo 2017 mio marito è mancato al nostro affetto, però le preghiere costanti di don Adriano hanno scongiurato la morte tragica che i medici avevano previsto; infatti non ha mai avuto dolori, non ha mai sofferto, e la malattia ha avuto un decorso sereno che gli ha permesso anche di guidare l’auto fino a pochi giorni prima della sua morte per coma epatico, e non per emorragia epatica. Tutti i medici specialisti che l’hanno curato durante la malattia, hanno accertato che, nonostante la diagnosi, mio marito ha fatto un decorso e una morte sereni, che mai e poi mai avrebbero potuto prevedere. Spesso sentivo che tra sé diceva: “Grazie don Adriano”, e il giorno prima della morte ha voluto parlare telefonicamente con lui, quasi per salutarlo e dopo la telefonata ho notato nei suoi occhi uno sguardo luminoso, serenità e pace.
Il miracolo c’è stato grazie alle preghiere di intercessione di don Adriano, mio marito se n’è andato sereno, senza mai soffrire, in grazia di Dio.
Io e i miei figli ringraziamo e lodiamo di cuore il Signore Gesù nostro Dio, lo Spirito Santo e la Madonna.
All’inizio di aprile avrebbe compiuto 60 anni e abbiamo pensato ad un regalo che sarà a lui molto gradito: ringraziare don Adriano per le sue intense preghiere di intercessione e per avergli sempre trasmesso pazienza, serenità, forza e fiducia nel Signore; grazie, di cuore, don Adriano.
Grazie don Adriano per le sue preghiere di intercessione e per le sue coinvolgenti celebrazioni che aiutano a capire quanto immensa, potente e miracolosa è la mano di Dio, di Gesù Cristo nostro Signore e l’opera meravigliosa dello Spirito Santo.

Altri articoli...

MENSA DEI POVERI

Via Belfiore 12, Torino
Guarda la mappa


Distribuzione pasti freddi:
domenica e festivi - mattina (ore 9-12).
Tutto l'anno

Distribuzione pacchi famiglia:
mercoledì pomeriggio dalle 14 alle 16

Mensa preserale calda:
dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19

CENTRO DI ASCOLTO

Corso Regina Margherita 190
10152 Torino
Guarda la mappa
T 011 4377070
info@cenacoloeucaristico.it

Orario di ricevimento:
Lunedì dalle 7,30 alle 10,30
Giovedì dalle 13,30 alle 17,00

CASA DI SPIRITUALITÀ

Monastero Abbaziale Cistercense di Casanova. Carmagnola (Torino)
Guarda la mappa

T 011 979 52 90

Aperto ogni domenica e festivi dalle 15 alle 18.
Don Adriano riceve il sabato dalle 6,30 alle 11. Segue celebrazione eucaristica.

Per partecipare alle celebrazioni a Casanova presiedute da don Adriano, è possibile prenotare il pullman telefonando a Michelina al numero 349.2238712. Partenza da Settimo T.se ore 13,00 – da Piazza Maria Ausiliatrice – Torino ore 13,45.