Background Image

Il Natale del Signore

Carissimi,
il Natale del Signore ci invita a contemplare l’amore di Dio donato in Cristo Gesù nello Spirito Santo a tutta l’umanità.
L’uomo ha bisogno dell’amore di Dio per gustare la gioia di vivere, di sentirsi intensamente amato e di gioire nel donarlo, sotto la spinta dello Spirito Santo, al prossimo, alla famiglia, alle persone povere, sofferenti, malate, sfiduciate e indigenti. Dio è amore e ci chiama ad amarci gli uni gli altri. Vivere il Natale di Gesù significa vivere nell’amore di Dio, amando.
Il Natale del Signore ci dice che siamo fortemente amati da Dio in Cristo Gesù nello Spirito Santo, e che possiamo e dobbiamo amarci gli uni gli altri con autentico amore.
Da san Giovanni siamo invitati a cantare con la vita, nel nostro ambiente quotidiano, il canto dell’amore; a fare esperienza di Dio come amore. Un amore forte, sempre presente perché scaturisce da Dio per ogni persona; un amore gratuito che, ricevuto in dono, ci spinge ad amare; pertanto: guai a me se son amassi!
San Paolo ci dice: «L’amore non avrà mai fine… dunque rimangono queste tre cose: la fede, la speranza e la carità. Ma la più grande di tutte è la carità!» (1Cor 13,8.13).
Pertanto la carità è il comandamento nuovo che Gesù ha dato a tutta l’umanità: «Amatevi anche voi gli uni gli altri. Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi» (Gv 13,34; 15,12); questo “come” è importante perché ci fa comprendere che Gesù ha amato i suoi, ma ama anche noi con lo stesso amore che il Padre aveva e ha per ciascuno di noi. E, nell’Incarnazione, Dio ha mostrato di amare così intensamente l’uomo, l’umanità, da inviare suo Figlio Cristo Gesù nello Spirito Santo, donando tutto ciò che ha, e donando se stesso in lui.
Ecco il Natale del Signore: amore donato, incarnato per la nostra salvezza, per la nostra gioia di vivere, di servire il Signore con gioia, di perdonare con gioia, di amare con bontà e gioia. «L'amore è da Dio: chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio. Chi non ama, non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore» (1Gv 4,7-8.16).
Celebrare il Natale del Signore significa fare nostro il comandamento donatoci da Gesù: “Se ci amiamo gli uni gli altri, Dio dimora in noi”.
Contemplando allora il Natale, dono d’amore a tutta l’umanità, teniamo presenti le stupende parole di san Giovanni: «Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, perché l'amore è da Dio: chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore» (1Gv 4,7-8).
È Dio, carissimi, è Dio che insegna ad amare, a essere caritatevoli; è lui che ci comanda, per la nostra gioia, a vivere la carità.

Vi auguro di cuore un santo e gioioso Natale, affinché tutti possiate trascorrere questa festa in serena armonia familiare. Con affetto.

Don Adriano | Dicembre 2016

MENSA DEI POVERI

Opere caritatevoli per i poveri
Mensa via Belfiore 12, Torino
Guarda la mappa


Distribuzione sacchetti pasto:
domenica e festivi dalle ore 9.00 alle 12.00
Distribuzione pacchi viveri alle famiglie bisognose:
sabato dalle ore 9.00 alle 12.00
Mensa preserale calda per i senzatetto:
da lunedì a venerdì dalle ore 14.30 alle 17.00 

  SCOPRI COME AIUTARE LA MENSA  

CENTRO DI ASCOLTO

Corso Regina Margherita 190
10152 Torino
Guarda la mappa
T 011 4377070
info@cenacoloeucaristico.it

Orario di ricevimento:
Lunedì dalle 7,30 alle 9,30
Giovedì dalle 13,30 alle 16,30

Nei centri di ascolto di Torino e Casanova continua l'accoglienza rispettando le norme vigenti relative al distanziamento e all'uso della mascherina

CASA DI SPIRITUALITÀ

Monastero Abbaziale Cistercense di Casanova. Carmagnola (Torino)
Guarda la mappa

Vai alla pagina dedicata
T 011 979 52 90
Aperto ogni domenica e festivi dalle 15 alle 18.
Don Adriano riceve il sabato dalle 6,30 alle 11. Segue celebrazione eucaristica.
Per partecipare alle celebrazioni a Casanova presiedute da don Adriano, è possibile prenotare il pullman telefonando a Michelina al numero 349.2238712. Partenza da Settimo T.se ore 13,00 – Da Piazza Maria Ausiliatrice – Torino ore 13,45.