Background Image

Testimonianze 2023

Il Covid sconfitto con la forza della preghiera

Il 26 dicembre 2021 mio figlio Alberto di 10 anni si sveglia con la febbre alta e il mio pensiero corre subito al Covid, perché il 24 dicembre in classe viene annunciata la positività di due compagni ed inoltre da qualche giorno mio figlio aveva la tosse e non era molto in forma. Così facciamo subito un tampone: Alberto è positivo! Alberto è affetto da sindrome di down e per questo avevo impiegato mille precauzioni durante questa pandemia per proteggerlo, ma non era bastato.
Il giorno dopo iniziamo le cure antibiotiche e cortisoniche, teniamo regolarmente sotto controllo la saturazione, ma con il passare dei giorni la situazione si complica. Alberto ha sempre meno forze rimane coricato sul divano tutto il giorno, la tosse peggiora, la febbre scende mentre la saturazione è sempre troppo bassa. Così la sera del 30 dicembre portiamo il bambino all’ospedale Regina Margherita di Torino, dove mi viene spiegato che ha un inizio di polmonite a destra, viene ricoverato e io con lui nel reparto di isolamento Covid. Il giorno 31 dicembre provo a contattare telefonicamente don Adriano che non mi risponde. Dal reparto non è facile chiamare ed inoltre anch’io risulto positiva, nonostante avessi tre dosi di vaccino e comincio a non sentirmi bene. Passano i giorni e le condizioni di Alberto peggiorano sempre più. Prima si presenta una polmonite bilaterale, poi un’infezione polmonare sovrapposta e ciò determina la decisione dei medici di portarlo in terapia intensiva per aiutarlo a respirare, ma Alberto sta sempre peggio, mentre io vengo dimessa e torno a casa: non posso entrare con mio figlio in rianimazione. Il 5 gennaio invio una mail a don Adriano spiegando la situazione, ero disperata, le notizie che ci davano dall’ospedale non facevano ben sperare. A questa mail ricevo risposta il 6 gennaio, ma proprio nello stesso giorno ero riuscita a parlare telefonicamente con Don Adriano che mi dice che avrebbe subito pregato per mio figlio. Il 6 gennaio dall’ospedale ci dicono che hanno dovuto intubare mio figlio, che aveva avuto un crollo pressorio e che erano intervenuti con un farmaco per stabilizzarlo, che tutti gli indici di infezione erano al massimo e che sospettavano una setticemia e che la situazione era assai grave. Al termine di quella telefonata la disperazione era totale, avevo compreso molto bene che non avrei più rivisto mio figlio, continuavo a pregare e sapevo che in tanti nel nostro paese pregavano con noi, ma soprattutto sapevo che don Adriano pregava con noi. Il 7 gennaio non avevo il coraggio di chiamare l’ospedale e invece i medici ci comunicano che gli indici di infezione si erano azzerati…le preghiere avevano aiutato Alberto! Continuo ad aggiornare Don Adriano che ad un messaggio mi risponde: “Continuiamo a pregare intensamente!!! Buona notte e buona guarigione.” Questo messaggio mi lascia perplessa “buona guarigione”, ma Alberto era ancora intubato e sedato…! Verrà estubato il 12 gennaio, messo in reparto ordinario il 15 gennaio e dimesso il 24. Tornati a casa Alberto era molto debilitato e stanco. Al controllo ospedaliero del 3 febbraio il medico che lo aveva avuto in cura e che alle dimissioni mi aveva detto di essere molto preoccupato per le condizioni del polmone destro, una volta che ha visto l’esito della radiografia appena eseguita, mi dice che il polmone non ha più nessun segno, che Alberto era guarito bene.<
La nostra pediatra prima di consentire la ripresa del nuoto che tanto piace ad Alberto insiste per fare il 10 febbraio un ecocardiogramma per escludere miocarditi o pericarditi, generando in me uno stato di preoccupazione, ma il 9 febbraio ricevo questo messaggio di don Adriano “Io continuo a pregare. Buona notte”; non lo avevo informato delle mie preoccupazioni e neppure di questo controllo eppure queste sue parole giunte inaspettate generano in me un senso di pace e di tranquillità. Dal controllo eseguito non emerge nulla di preoccupante, il cuore di mio figlio è in perfetta forma, e mi dicono essere uno dei pochi casi di bimbi con Sindrome di Down senza problemi cardiaci. In cuor mio credo che ancora una volta le preghiere di don Adriano abbiano compiuto il miracolo.
Passano le settimane ora Alberto ha ripreso la sua vita: scuola, palestra, nuoto sta bene e lentamente prova a dimenticare il dolore di questa malattia. Ringrazio il Signore per questa grazia ricevuta e don Adriano per le sue preziose preghiere e la sua vicinanza!

MENSA DEI POVERI

Opere caritatevoli per i poveri
Mensa via Belfiore 12, Torino
Guarda la mappa


Distribuzione sacchetti pasto:
domenica e festivi dalle ore 9.00 alle 12.00
Distribuzione pacchi viveri alle famiglie bisognose:
sabato dalle ore 9.00 alle 12.00
Mensa preserale calda per i senzatetto:
da lunedì a venerdì dalle ore 14.30 alle 17.00 

  SCOPRI COME AIUTARE LA MENSA  

CENTRO DI ASCOLTO

Corso Regina Margherita 190
10152 Torino
Guarda la mappa
T 011 4377070
info@cenacoloeucaristico.it

Orario di ricevimento:
Lunedì dalle 7,30 alle 9,30
Giovedì dalle 13,30 alle 16,30

Nei centri di ascolto di Torino e Casanova continua l'accoglienza rispettando le norme vigenti relative al distanziamento e all'uso della mascherina

CASA DI SPIRITUALITÀ

Monastero Abbaziale Cistercense di Casanova. Carmagnola (Torino)
Guarda la mappa

Vai alla pagina dedicata
T 011 979 52 90
Aperto ogni domenica e festivi dalle 15 alle 18.
Don Adriano riceve il sabato dalle 6,30 alle 11. Segue celebrazione eucaristica.
Per partecipare alle celebrazioni a Casanova presiedute da don Adriano, è possibile prenotare il pullman telefonando a Michelina al numero 349.2238712. Partenza da Settimo T.se ore 13,00 – Da Piazza Maria Ausiliatrice – Torino ore 13,45.